SORRIDERE DI SE STESSI...FA BENE

SORRIDERE DI SE STESSI

FA BENE A...TUTTO :-)

 

“Se siete seri, siete bloccati. 

L'umorismo è la via più rapida per invertire questo processo. 

Se potete ridere di una cosa, potete anche cambiarla.” 

Dott. Richard Bandler

 

Siamo, a volte troppo spesso, convinti delle nostre idee.

Convinti di aver ragione.

Convinti del nostro dolore.

Convinti che le cose non possano cambiare.

Convinti che ci sia solo un modo.

Convinti che come facciamo noi, è giusto.

 

Convinti!

 

E alcune di queste convinzioni, spesso serie, precise e indiscutibili, possono minare il nostro benessere.

 

"Trattare" una certa questione sempre seriamente, a volte non ci permette di fare quel CLICK utile per uscire dalla zona di POTERE - di solito associata a "o vinco io, o vinci tu" - che rende corpo e mente rigidi come il nostro comportamento verso noi stessi e gli altri.

 

Teresa (nome di fantasia) mi racconta in studio, di come dopo un nostro incontro si è trovata con un amica a sostenere una certa idea.

 

Vi riporto la telefonata come me l'ha raccontata Teresa.

Poi capirete perchè  :-)

 

TERESA: "Sai Alessia, io credo che alla nostra età da donne mature, abbiamo diciamo un pò tutto; vestiti, scarpe, cose per la casa etc. 

Così ho deciso già da un pò di spendere meglio i miei soldi. 

Li spendo in emozioni: biglietti per il teatro, una visita a Venezia, una cena con gli amici... 

Che poi sono le cose che restano davvero. Gli oggetti, che vuoi, danno una gioia momentanea. Mi sento davvero matura e una donna che sa scegliere e scelgo di spendere in modo intelligente.

ALESSIA: "Wau Teresa, sai hai ragione, sei una donna molto saggia. Voglio che questo diventi anche il mio proposito riguardo al come spendere i soldi."

TERESA: "Beh sai ....sono convinta farà bene anche a te, noto che spendi d'impulso e dovresti stare più attenta."

ALESSIA: "Cavolo...hai ragione".

 

Mila mi sono sentita molto più forte di Alessia, e il suo tono sottomesso, ammetto mi ha fatto sentire un pò superiore.

 

Poi Mila sono uscita di casa a fare alcune commissioni.

Accidenti ho buttato l'occhio in una vetrina di un negozio.

E va beh ti lascio immaginare.

Ho comprato un paio di scarpe e una borsa.

 

.......

 

La sera mi trovavo con Alessia per una pizza e con i nostri figli. 

Non avrei potuto indossare nulla di ciò che avevo appena comprato. Che figura ci facevo. Io donna tutta d'un pezzo che le aveva insegnato tre ore prima come spendere i suoi soldi.

 

Poi mi sono ricordata come dici tu 

"DI PRENDERSI UN PO' MENO SERIAMENTE" 

Quando ho incontrato Alessia le ho detto: "Senti cara, oggi ho comprato questa borsa e queste scarpe e la prossima volta che parlo come una vecchia matrona e ti faccio la paternale sul come bisogna vivere la vita...ti prego...ridimi in faccia" ! 

E siamo scoppiate a ridere tutte e due.

 

......

 

Questo voleva essere un articolo decisamente leggero, come avete notato, e allo stesso tempo farci riflettere sulla fragilità delle nostre convinzioni, e su come sia possibile con un poco di UMORISMO, ristabilire l'ARMONIA.

 

Prova :-)

Scrivi commento

Commenti: 0